Titoli professionali in Germania

Due mani afferrano una pergamena di diploma
© Andrey Popov / Fotolia

In Germania, dopo aver frequentato la scuola di formazione generale, segue di norma una qualifica professionale. Può trattarsi, ad esempio, di una formazione professionale o di un iter universitario. Il conseguimento del titolo professionale viene documentato da un certificato di fine studi. In Germania i titoli professionali rivestono importanza fondamentale.

Per i datori di lavoro tedeschi i certificati di fine studi sono indispensabili ai fini della selezione del personale. I certificati di fine studi vengono presi in considerazione in modo sistematico in fase di candidatura per un posto di lavoro. Tramite un certificato di fine studi per una qualifica professionale o una valutazione del titolo di studio per il titolo di studi universitario, i datori di lavoro sono in grado di valutare meglio la qualità del vostro titolo professionale.

Quali titoli professionali esistono?

Formazione professionale

Chi ha concluso una formazione professionale in Germania, soddisfa determinati standard di qualità. Tali standard di qualità sono disciplinati da regolamenti di formazione professionale o d’esame e da leggi in materia. La formazione professionale può essere puramente scolastica oppure duale. “Duale” significa a scuola e in azienda. Una formazione professionale in Germania dura dai 2 ai 3,5 anni.

Titoli di formazione continua e aggiornamento professionale

La formazione continua è una particolare tipologia di aggiornamento professionale. La formazione continua è strutturata ai sensi della legge tedesca sulla formazione professionale (BBiG) sulla base di una formazione professionale. La formazione continua esiste in Germania in numerosi settori. Tra i titoli di aggiornamento rientrano in particolare quelli di maestro artigiano e maestra artigiana (ad esempio maestri/maestre dell’artigianato, dell’industria o dell’agricoltura). Altri esempi sono consulenti specializzati, periti commerciali o impiegati commerciali.

Il concetto di formazione continua viene spesso utilizzato come sinonimo di aggiornamento professionale. Gli aggiornamenti professionali sono anche provvedimenti che non contano ai fini della formazione continua ai sensi della legge tedesca sulla formazione professionale. Esistono aggiornamenti professionali regolamentati dai Land federali (ad esempio diplomati in economia aziendale o tecnici). I titoli perseguiti sono detti di conseguenza “titoli di aggiornamento professionale”.

Titoli universitari

I titoli universitari sono i titoli di grado accademico laurea, master e dottorato. Molte facoltà, ad esempio economia aziendale, scienze politiche o fisica, non hanno sbocco in una professione concreta. In determinate facoltà, come medicina, architettura o magistero, si impara invece una concreta professione corrispondente. Si tratta in genere di professioni regolamentate.

Riconoscimento

Per i titoli nel campo delle formazioni professionali, della formazione continua e dei titoli di studio universitari che hanno sbocco in una professione regolamentata, si parla di qualifiche professionali. Per queste qualifiche professionali il riconoscimento va ottenuto nell’ambito della procedura di riconoscimento. Per i titoli di studio universitari che non hanno sbocco in una professione regolamentata esiste la possibilità di valutazione del titolo di studio.

Un riconoscimento o una valutazione del titolo di studio rende il titolo professionale direttamente equipollente a quello degli altri candidati sul mercato del lavoro.

Avvertenza: una qualifica professionale documentata da un certificato di fine studi conseguito nel paese di origine è il requisito necessario per una procedura di riconoscimento. Se si possiede un certificato di fine studi, ma non si è più in grado di presentarlo, sussiste la possibilità di sottoporsi a un’analisi delle qualifiche nell’ambito delle professioni assoggettate a specifico iter formativo del sistema duale e per i maestri artigiani. Se non si è conseguito alcun certificato di fine studi, esistono alternative al riconoscimento, ad esempio una riqualificazione professionale o la formazione continua.