Giusi Frazzetta - Riconoscimento come Infermiera pediatrica

testimonial_2014_frazetta_715
Giusi Frazzetta

La pazienza conviene


Dopo il riconoscimento ho ottenuto un contratto a tempo indeterminato!


Per più di un anno Giusi Frazzetta ha lavorato come ausiliaria sanitaria in un ruolo inferiore alla sua qualifica effettiva. Ora dopo il riconoscimento del titolo italiano, lavora come infermiera e ha responsabilità maggiori.


Nome Giusi Frazzetta
Età 25 anni
Professione di riferimento Infermiera pediatrica
kPaese conseguimento titolo Italia
Lavora come Infermiera pediatrica a Colonia

  

Riconoscimento per me significa …

la possibilità di ottenere un contratto a tempo indeterminato in un noto ospedale di Colonia.


Il mio suggerimento

Per sbrigare tutte le pratiche ci vuole molta pazienza. Ma alla fine ne vale la pena e hai la soddisfazione di poter esercitare finalmente la professione che ti sta a cuore e che ti appassiona.


Alla domanda sulla sua situazione di vita attuale, Giusi Frazzetta risponde senza esitazione. “Fantastica! Ho un contratto a tempo indeterminato, posso fare progetti per il futuro”, afferma soddisfatta la ragazza italiana. L'infermiera ha preso la decisione di venire in Germania due anni fa, nella convinzione che le prospettive di un impiego più sicuro sarebbero state migliori che nel suo paese.

Inizialmente però la realtà sembrava diversa. La sig.ra Frazzetta ha trovato, sì, un impiego in un ospedale, ma in un primo tempo si è dovuta accontentare di un posto da ausiliaria. Senza il riconoscimento del suo titolo professionale conseguito in Italia, il suo datore di lavoro non poteva assumerla con il livello in linea con la sua qualifica. “Volevo ricoprire un ruolo di maggiore responsabilità”, ci racconta la ragazza. Per ottenere il riconoscimento del suo titolo professionale, Giusi ha potuto contare sull'aiuto del suo datore di lavoro di allora. L'ospedale in cui aveva preso servizio a tempo determinato, nell'attesa di un ruolo più consono, le ha fornito le informazioni sullo svolgimento della procedura. Ci sono state poi altre istituzioni che hanno contribuito in modo determinante, specialmente durante la procedura di riconoscimento: “Per me sono stati importantissimi loro e l'ufficio regionale per gli esami in medicina, fisioterapia e farmacia (Landesprüfungsamt für Medizin, Physiotherapie und Pharmazie).”

La sig.ra Frazzetta ammette che le trafile negli uffici oltre alle visite al consolato necessarie per far tradurre i suoi certificati le hanno richiesto una bella dose di pazienza. Per arrivare al termine della procedura di riconoscimento ci è voluto più di un anno. Ma, come lei stessa dichiara, senza il riconoscimento non avrebbe avuto alcuna possibilità di andare oltre il ruolo di ausiliaria. “Il riconoscimento mi ha permesso di lavorare come infermiera in Germania.” Adattarsi alla nuova routine lavorativa nel suo paese di adozione per Giusi Frazzetta non è stato difficile. “Il modo di lavorare è un po’ diverso rispetto a quello in Italia, ma tutto sommato il lavoro è lo stesso. A parte questo, le mie speranze di trovare un buon lavoro sono state soddisfatte.”

Il nostro colloquio con Giusi Frazzetta si è tenuto nel mese di giugno del 2014.

Aggiornato in data 30.07.2014