Maestro installatore e costruttore di impianti di riscaldamento - Josip Vukoje

Foto del maestro installatore e costruttore di impianti di riscaldamento Josip Vukoje davanti a un impianto di riscaldamento
Josip Vukoje

Alla fine, la mia esperienza è contata!


Ora ho un lavoro che corrisponde pienamente alla qualifica conseguita in Croazia.


Quando nel 2005 Josip Vukoje si è trasferito in Germania, la legge sul riconoscimento non esisteva ancora. Non poteva perciò farsi riconoscere la formazione professionale croata come meccanico di impianti termo-sanitari e di climatizzazione e il titolo di maestro artigiano. Per molto tempo ha svolto lavori al di sotto delle proprie qualifiche.


Nome Josip Vukoje
Età 39
Professione di riferimento Maestro installatore e costruttore di impianti di riscaldamento
Paese di conseguimento del titolo Croazia
Lavora come Meccanico di impianti termo-sanitari e di climatizzazione

Riconoscimento per me significa...

... essere equiparato ai colleghi tedeschi.


Il mio suggerimento

Bisogna essere un po’ insistenti per portare avanti il processo. Ma ne vale la pena!


Per Josip Vukoje, la questione del riconoscimento per molto tempo non si poneva nemmeno. Il croato era giunto in Germania nel settembre 2005. Sua moglie viveva già qui. “Solo quando sono stato assunto in un nuovo posto di lavoro, sono venuto a sapere che i miei attestati non erano riconosciuti”, racconta Josip Vukoje. Quando un collega di lavoro gli ha poi riferito della nuova legge sul riconoscimento, si è rivolto all’HWK di Monaco di Baviera per farsi riconoscere i propri attestati. Il centro servizi per l’esame delle qualifiche estere lo ha assistito durante il processo. “Inizialmente ho ottenuto il riconoscimento per la formazione professionale come meccanico di impianti termo-sanitari e di climatizzazione. Sei mesi dopo avevo in tasca anche il riconoscimento come maestro installatore e costruttore di impianti di riscaldamento”, racconta il croato. Ha dovuto sostenere soltanto l’esame orale di “pedagogia professionale e del lavoro” che, a livello contenutistico, comprende tra l’altro l’avviamento al lavoro di apprendisti.

Da allora il lavoro del 39enne è cambiato radicalmente. “In Croazia, avevo precedentemente lavorato come artigiano, assumendomi molte responsabilità. Successivamente, in Germania, ho svolto solo lavori semplici come aiutante in officina. Talvolta avevo più esperienza dei miei colleghi. Non è stato facile essere costantemente impiegato al di sotto delle mie capacità. E naturalmente anche la retribuzione era inferiore”, ricorda Josip Vukoje. Grazie al riconoscimento oggi lavora sotto la propria responsabilità e percepisce una retribuzione superiore come meccanico di impianti termo-sanitari e di climatizzazione.

Il suo successo professionale ha fatto compiere progressi a Josip Vukoje anche a livello personale: “Per 31 anni ho sofferto di una forte balbuzie e la situazione insolita in Germania l’ha ulteriormente peggiorata. Ma il riconoscimento ha migliorato la mia autostima e mi ha dato la forza di affrontarla. Solo tre settimane dopo un corso di dieci giorni presso il “Del Ferro Institut” di Amsterdam, un istituto specializzato in terapia contro la balbuzie, ho raccontato la mia esperienza di riconoscimento davanti a un centinaio di persone durante un evento dell’IHK di Monaco di Baviera.”

Riguardo al futuro Josip Vukoje è molto ottimista: “Con la mia famiglia e su lavoro tutto procede ora nella massima armonia. Ho superato la mia balbuzie e, se tutto va bene, riuscirò prima o poi a trovare un impiego come maestro artigiano.”

Il colloquio con Josip Vukoje si è tenuto nell’agosto 2014..