Un’offerta dell’Istituto federale tedesco per la formazione professionale Maggiori informazioni
Azem Ceka, Maestro tinteggiatore/verniciatore

Sono indipendente, ho tante responsabilità e mi sento integrato.

Azem Ceka è arrivato in Germania nel 1998. È stato prima assunto come verniciatore di auto, poi ha avviato un'attività in proprio. Il riconoscimento gli ha consentito di ottenere la qualifica di maestro artigiano.

Il mio suggerimento
Prefiggersi sempre un obiettivo, non mollare mai e imparare il più possibile!
Profilo
Nome
Azem Ceka
Età
36
Professione di riferimento
Maestro tinteggiatore/verniciatore
Paese di conseguimento del titolo
Macedonia
Lavora come
Maestro tinteggiatore/verniciatore

Le mie storie

Azem Ceka ha lasciato il suo paese, l'ex Jugoslavia, nel 1998, poco dopo aver terminato la propria formazione. "In Germania abbiamo molti conoscenti che ci hanno solo parlato bene di questo paese", racconta il verniciatore di auto specializzato. Oltre alle prospettive di lavoro, sono state in particolare "l'affidabilità e la puntualità, così come le tante possibilità di imparare qualcosa di nuovo" a portarlo qui. In breve tempo è stato assunto in un'impresa di verniciatura di auto. "Era tutto come me lo ero immaginato", afferma il trentaseienne. Per questo non si era occupato del del riconoscimento suo titolo professionale, che è diventato rilevante solo quando ha deciso di mettersi in proprio. Senza una qualifica come maestro artigiano non poteva avviare un'attività autonoma. Pertanto è stato costretto ad assumere una persona con la qualifica di maestro artigiano. " Non solo mi è costato molti soldi", racconta Azem Ceka. " Ma nonostante fossi in proprio, dipendevo ancora da altri".

Per cambiare questa situazione ha avviato la procedura di riconoscimento. Per prima cosa ha contattato la Camera dell'artigianato (HWK) di Amburgo. "Loro mi hanno dato tutte le risposte che cercavo", racconta in sintesi il verniciatore. Dopo aver presentato il suo diploma di formazione e quello di perfezionamento conseguito nel 2007 rilasciati in Macedonia, per la valutazione dell'equivalenza del suo titolo professionale la Camera dell'artigianato necessitava di altri documenti che fornissero indicazioni sul contenuto della sua formazione. Dato che non poteva ricevere ulteriori informazioni dal suo paese di origine, la Camera dell'artigianato gli ha proposto di effettuare un'analisi delle qualifiche, un´opportunità che permette di comprovare in modo pratico le competenze professionali per le parti 1 e 2 della valutazione per la qualifica di maestro artigiano. Azem Ceka ha scelto questa opzione: dopo aver sostenuto un colloquio preparatorio specialistico con gli esperti che svolgevano la prova presso la Maler- und Lackierer-Innung Hamburg (la corporazione dei tinteggiatori e verniciatori di Amburgo), il suo compito è consistito nel trattare la portiera di una vettura, riconoscere materie plastiche, illustrarne le relative riparazioni nonché eseguire uno "spot repair" a un paraurti. "Visto che lavoro da più di dieci anni nell'ambito della verniciatura di auto, non ho avuto problemi a livello manuale", racconta pacato l’uomo di origine macedone. Due settimane dopo l'analisi delle qualifiche egli stringeva tra le mani la decisione sul riconoscimento.

Si è rivelato un po' più difficile il percorso successivo verso l'equivalenza totale. Per ottenerla, ha dovuto seguire il corso serale di preparazione alla prova per la qualifica di maestro artigiano. "Per via delle mie difficoltà linguistiche, ho dovuto anche dedicarmi molto allo studio del tedesco con mia moglie", ricorda Azem Ceka. Ma alla fine è riuscito a superare anche questi ostacoli e ha concluso il corso superando con successo sia la prova scritta che quella orale. Una volta conquistata l'equivalenza totale come maestro artigiano, egli ora procede con il prossimo obiettivo: "Voglio ingrandire la mia attività e formare degli apprendisti".

La conversazione con Azem Ceka è del giugno 2016. Per ottenere il riconoscimento del suo titolo professionale è stato consigliato e supportato dalla Camera dell'artigianato (HWK) di Amburgo.

La mia procedura in breve

  1. In Macedonia Azem Ceka ha conseguito una formazione di autoverniciatore e successivamente ha concluso un perfezionamento diventando maestro.
  2. Nel 1998 arriva in Germania e lavora molti anni come dipendente in un in un’azienda di verniciatura.
  3. Nel 2013 Azem Ceka diventa indipendente ad Amburgo con una propria officina di verniciatura.  Poiché a tale scopo ha bisogno di diventare maestro, deve impiegare una persona.
  4. Richiede il riconoscimento della sua qualifica di maestro presso la Camera dell’Artigianato. In un’analisi delle qualifiche esegue in pratica parti dell’esame professionale per diventare maestro artigiano.
  5. Azem Ceka conclude con successo il corso propedeutico per l’esame professionale per diventare maestro. Successivamente riceve il pieno riconoscimento della sua qualifica di maestro.